Ricette

A scuola di gusto: Pesche dolci

Ci sono gesti che credi di non conoscere, ma che la prima volta che li compi ti sorprendi a scoprire che sono innati dentro di te. Perché sono costruiti nella memoria, guardando giorno dopo giorno chi ti sta accanto.

Tanti dei miei gesti in cucina sono così, spontanei, che si materializzano con lo stesso ritmo e la stessa intensità di quelli per anni osservati in silenzio in ginocchio sulla sedia.

Le pesche dolci non mancano mai sulla tavola delle feste, mia madre le preparava sempre sin da quando era piccola e a me sembravano difficilissime ed insormontabili. Ed invece si realizzano in mezza giornata, e il risultato farà impazzire tutti! Mio marito le ha adorate da subito proprio come me, provare per credere.

Io le trovo perfette per un compleanno ma anche una ricorrenza, o semplicemente una merenda golosa, per stupire con un dolce diverso! Vi lascio la ricetta con gli step fotografici, spero vi piaccia!

Pesche dolci

Print Recipe
Serves: 8 (circa 24 pezzi)

Ingredients

  • Per i gusci di frolla:
  • 3 uova
  • 600 g farina
  • 240 g zucchero
  • 120 g margarina
  • scorza grattugiata di un limone
  • 12 g lievito per dolci
  • Per la crema pasticcera:
  • 3 tuorli
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai rasi di farina 00
  • 375 ml latte intero
  • mezza bacca di vaniglia
  • Per la guarnizione:
  • liquore alchermes
  • zucchero semolato bianco

Instructions

1

In una ciotola amalgamate gli ingredienti secchi e in ultimo unite le uova.

2

Impastate a mano fino a formare una frolla compatta.

3

Avvolgete nelle pellicola e lasciate riposare una mezz'ora in frigo.

4

Nel frattempo preparate la crema (metodo veloce):

5

fate battere i tuorli con lo zucchero, e quando saranno bianchi e spumosi incorporate la farina.

6

A parte fate riscaldare il latte in un pentolino senza portarlo ad ebollizione.

7

Quando sarà ben caldo versate il composto di uova zucchero e farina nel latte, riponete di nuovo tutto sul fuoco e mescolate finché la crema non si addenserà.

8

Togliete dal fuoco, versate in una pirofila larga, coprite con la pellicola per evitare che faccia "il panno" in superficie e lasciate raffreddare.

9

Riprendete l'impasto dei gusci di frolla.

10

Formate delle palline non grandi e di dimensioni tutte uguali.

11

Adagiatele in una teglia rivestita di carta forno.

12

Infornate a 180° forno statico per una decina di minuti (nella parte inferiore devono brunirsi mentre sopra si coloreranno appena).

13

Appena sfornate con un coltello tagliente scavate l'interno (proprio come in foto), e preparate le coppie che poi dovranno essere riempite.

14

Per farcirle e decorarle procedete in questo modo:

15

Ponete l'alchermes in una ciotola e con un cucchiaino versatene un po' bagnare bene il bordo dello scavo che avete creato, per entrambe le metà.

16

Riempite entrambe le metà con la crema e accoppiatele. Con la crema in eccesso bagnate il bordo dove si accoppiano.

17

Fate così con tutte le coppie e ponete in frigo qualche ora a rassodare.

18

A questo punto riprendete le pesche dal frigo, bagnatele prima nell'alchermes in modo veloce e poi passatele nello zucchero semolato.

19

Adagiatele sui pirottini in modo che restino dritte, e siano più belle da servire.

20

Essendoci la crema si conservano in frigo per due massimo tre giorni.

Notes

Potete decorarle con foglie di menta o foglie di pasta da zucchero, proprio come ho fatto io. Attenzione perchè l'alchermes macchia le dita e ha bisogno di qualche giorno per andare via, per questo vi consiglio di fare l'operazione di copertura indossando i guanti.

Il procedimento sembra complesso, ma vi assicuro che è meno difficile di quello che sembra, e la soddisfazione di vederle finite è impagabile! Ricordo di quando mia madre le preparava e passava i pomeriggi a girare queste coppie perfette nello zucchero, ed io ero lì a guardarla fissa, come tutte le volte che faceva delle operazione in cucina.

Devo ringraziare “A Scuola di Gusto”, la scuola di cucina di Bologna a cui ho dedico questa ricetta.

Il perché io abbia scelto proprio qualcosa che fa parte della mia memoria non saprei dirvelo, quello che so è che non ho avuto il minimo dubbio nella scelta di questa ricetta. Forse perché non l’avevo mai preparata, forse perché è fresca ed una delle mie preferite, chissà.

Dal ricettario di famiglia, dal ricettario delle feste in famiglia, per voi, per celebrare la nuova casa del blog, Macchia’s Mood!

 

Vi aspetto su Instagram e Facebook per condividere le vostre ricette e i vostri momenti festosi con i miei hastag #incucinaconmacchia e #MacchiasMood.

Alla prossima!

You Might Also Like

No Comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: